E-school  di  Arrigo Amadori

Sintesi

Numeri


Alla base di tutte le conoscenza scientifiche vi sono i numeri. 

I numeri fondamentali sono i numeri naturali 1, 2, 3, ... Gli altri tipi di numeri si definiscono a
partire dai numeri naturali.

I numeri naturali sono entità indefinibili. Sono dati "a priori" come oggetti di cui abbiamo tutti 
innata intuizione. Tutti li usiamo ma nessuno può affermare cosa essi siano senza cadere nella 
ovvia tautologia "i numeri naturali sono i numeri naturali".

Nel linguaggio scientifico, quando qualcosa, un concetto, una affermazione, non è spiegabile
in termini logici a partire da altri concetti, affermazioni ecc. si dice che quel qualcosa è un
assioma, un postulato. Le altre affermazioni che sono derivabili logicamente da altre
affermazioni si chiamano invece teoremi.

Le regole logiche che si utilizzano per dimostrare un teorema a partire da altri postulati o
teoremi sono in definitiva le regole del "buon senso", quelle che non producono contraddizione.

Senza addentrarci nei particolari (la logica matematica è una branca della matematica a sé stante),
diamo solo alcuni esempi di queste regole logiche :

      - 1 - una affermazione può essere o vera o falsa (legge del terzo escluso)

      - 2 - se l'affermazione A implica l'affermazione B, allora la negazione di B implica la negazione
              di A (legge di contrapposizione)

      - 3 - se l'affermazione A implica l'affermazione B e l'affermazione B implica l'affermazione C,
              allora A implica C (legge transitiva)

Noi usiamo le regole della logica ogni momento della nostra vita, quando pensiamo o parliamo,
anche se non ne siamo consci. 

Proseguiamo ora con la descrizione delle proprietà dei numeri naturali e degli altri tipi di numeri.

01 - Numeri naturali.

Come abbiamo sopra affermato i numeri naturali sono : 1, 2, 3, ... e non possono essere definiti o
spiegati ulteriormente. Essi sono dati a priori. Si noti che il numero 0 non appartiene ai numeri
naturali.

Le caratteristiche principali dei numeri naturali sono :

      - 1- ogni numero naturale possiede un numero naturale "successivo". Per esempio se prendo
             il numero 12, il suo successivo è 13.

      - 2 - ogni numero naturale è ottenibile partendo dal numero 1 "contando" in successione.

Questi fatti, anch'essi non dimostrabili, sono di fondamentale importanza perché permettono di
definire l'operazione di addizione fra due numeri naturali per ottenerne un terzo.

Il successivo di un numero naturale può essere considerato come la somma del numero dato
più il numero 1 :

      12 + 1 = 13

La somma di due numeri naturali qualunque può essere di conseguenza ottenuta partendo dal primo
addendo e "contando" tutti i numeri successivi per un numero di volte corrispondente al secondo addendo :

      4 + 3  = (((4 + 1) + 1) + 1) = 7

Anche l'operazione di moltiplicazione è riconducibile all'operazione di addizione. Infatti, per esempio :

      2 * 3 = 2 + 2 + 2

ovvero moltiplicare due numeri naturali significa sommare il primo fattore a sé stesso per un numero
di volte pari al secondo fattore.

Abbiamo così ricostruito le regole dell'aritmetica elementare partendo da pochissimi assiomi : l'esistenza
dei numeri naturali (addirittura è sufficiente ipotizzare l'esistenza del solo numero1), la possibilità
di determinare il successivo di ogni numero naturale e la possibilità di contare in successione.

02 - Numeri interi.

La definizione di addizione fra numeri naturali ci permette di definire una nuova operazione : la sottrazione.

La sottrazione fra due numeri naturali è l'operazione inversa dell'addizione. Per esempio :

      5 - 2 = 3   in quanto  5 = 2 + 3.

Sorge a questo punto un problema. Se il primo termine della sottrazione è minore del secondo
la sottrazione è impossibile in quanto non vi è nessun numero naturale che possa essere il risultato
di simile operazione. Per esempio :

      2 - 5 = impossibile, in quanto non esiste nessun numero naturale che sommato a 5 dia 2.

Se però introduciamo il numero 0 ed i numeri interi negativi -1, -2, -3 ... ogni operazione di 
sottrazione di numeri naturali diventa possibile. Esempi :

      5 - 2 = 3   
      2 - 5 = -3  perché  2 = 5 - 3 
      3 - 3 = 0   perché  3 = 3 + 0

L'insieme di numeri naturali con l'aggiunta dello 0 e dei numeri interi negativi forma così un nuovo 
insieme di numeri che è una estensione dell'insieme dei numeri naturali : questo nuovo insieme si
chiama insieme dei numeri interi.

All'interno dei numeri interi possiamo eseguire le operazioni di somma, sottrazione e moltiplicazione.

03 - Numeri razionali.

La definizione di moltiplicazione fra numeri interi ci permette di definire una nuova operazione : la divisione.

La divisione fra due numeri interi è l'operazione inversa della moltiplicazione. Per esempio :

      10 : 2 = 5   in quanto  10 = 2 * 5.

Sorge a questo punto un problema. Se il primo termine della divisione non è multiplo del secondo
la divisione è impossibile in quanto non vi è nessun numero intero che possa essere il risultato
di simile operazione. Per esempio :

      10 : 3 = impossibile, in quanto  non esiste nessun numero intero che moltiplicato per 3 dia 10.

Se però introduciamo le frazioni positive e negative ... 1/2, -2/3 ... ogni operazione di divisione di
numeri interi diventa possibile. Esempi :

      10 : 2 = 5   
      10 : 3  = 10/3  perché  10 = (10/3) * 3 
      (-2) : 3 = -2/3   perché  -2 = (-2/3) * 3
      (-2) : (-3) = 2/3   perché  -2 = (2/3) * (-3)

L'insieme di numeri interi con l'aggiunta delle frazioni positive e negative forma così un nuovo
insieme di numeri che è una estensione dell'insieme dei numeri interi : questo nuovo insieme si
chiama insieme dei numeri razionali.

All'interno dei numeri razionali possiamo eseguire le operazioni di somma, sottrazione, moltiplicazione
e divisione .

04 - Numeri reali.

I numeri razionali dotati delle usuali quattro operazioni non sono gli unici numeri che possiamo costruire.
Già i matematici greci verificarono che esistevano altri tipi di numeri, i cosiddetti numeri irrazionali, cioè 
che non possono essere riconducibili ai numeri razionali, ovvero frazioni di numeri interi. 

I numeri irrazionali sono infiniti. Ad essi appartengono per esempio (p greco) e (radice quadrata 
di 2). 

è un numero irrazionale perché non esiste nessuna frazione di numeri interi il cui rapporto dia appunto

I numeri irrazionali si possono allora rappresentare come numeri decimali ad infinite cifre non periodiche
dopo la virgola.  risulta allora uguale a 1,41421... 

L'insieme di tutti i numeri razionali e di quelli irrazionali si chiama l'insieme dei numeri reali. Su di essi si possono
effettuare le usuali quattro operazioni.

05 - Numeri complessi.

Oltre ai numeri reali si possono costruire i numeri complessi a partire dall'unità immaginaria .

La radice quadrata di -1 non è fattibile nel campo dei numeri reali in quanto non esiste nessun numero
reale che moltiplicato per sé stesso dia -1. 

L'introduzione del numero immaginario  i  permette invece di estendere i numeri reali e l'insieme che 
se ne ottiene si chiama l'insieme dei numeri complessi. 

Ogni numero complesso si definisce come somma di un numero reale più un altro numero reale 
moltiplicato per  i , ovvero :

      z = x + y i .

Sull'insieme dei numeri complessi di essi si possono effettuare le usuali quattro operazioni.

Fine. 

Pagina precedente